INFRASTRUTTURE

La biblioteca che dialoga con la città

Un edificio high tech esempio di relazione tra cultura e società, con un chiaro intento estetico di alto design

Emanuele Incanto

23 SETTEMBRE 2020
architettura, canada, biblioteca, infrastruttura, progettazione e snøhetta

Il progetto per la Calgary Central Library, firmato dallo studio norvegese-americano di Snøhetta, in collaborazione con lo studio Dialog di Toronto, è un esempio di meraviglia high-tech realizzata con materiali semplici e privo di facciata per dare l’idea di permeabilità e di connessione: l’opera infatti ha la funzione di unire i due quartieri del Downtown e dell’East Village. Si tratta di un monumento civico che è anche, a tutti gli effetti, un'infrastruttura.

Gli architetti hanno progettato una struttura esterna scenografica, con pianta a mandorla, composta da esagoni che si alternano in vetro bianco opaco e trasparente e avvolgono entrambe le facciate principali dell'edificio a forma di mezzaluna. La biblioteca è come se salutasse la città su entrambi i lati, ma quell'approccio a doppia facciata non priva l'edificio di un chiaro senso di arrivo: il piano inferiore è rialzato per rivelare l'ingresso principale sotto un arco luminoso che attraversa tutto il percorso la struttura: una citazione visiva che fa riferimento alle nuvole stagionali a forma di arco della regione. Quella sinuosa piazza d'ingresso coperta è rivestita di un materiale sorprendente e sostenibile: il legname raccolto nella vicina regione della British Columbia.

I visitatori procedono in un atrio centrale alto circa 26 metri, rivestito in doghe di cedro rosso e coperto da un lucernario ellittico, e salgono attraverso sinuose rampe e scale fino alle sale di lettura periferiche e agli spazi di raccolta della comunità sui piani superiori, pieni di luce.

L'imponenza dell'edificio è ancora più impressionante considerando che il sito si sovrappone a una linea di metropolitana leggera. I progettisti hanno realizzato un’estremità della struttura sopraelevata per consentire il passaggio della linea ferroviaria direttamente sotto di essa e sono riusciti a garantire che i treni, con il loro rumore, non interrompessero i silenziosi interni. La biblioteca offre un gradiente di intimità ai suoi utenti, dagli spazi per eventi e riunioni alla grande sala di lettura che corona l’edificio.

 

t

o

p