SOSTENIBILITÁ

L’impatto positivo dell’edilizia sostenibile sul territorio

Come gli edifici, costruiti in ottica green, possono migliorare a vita delle comunità

Beatrice Casella

25 MARZO 2019
sostenibilità, edilizia, innovazione, ambiente, territorio, progettazione e green

Oggi parlare di edilizia legata alla sostenibilità, significa interrogarsi su comfort ed energia, sul benessere di chi vive l’ambiente urbano costruito e sull’efficienza in termini di risorse e consumi.

La società Johnson Controls, ha presentato il Primo Osservatorio sulla sostenibilità in edilizia nel quale si legge che “è sempre più conveniente spendere di più per l’acquisto di una casa green o investire nella riqualificazione sostenibile”. Se infatti da un lato i costi di costruzione o di ristrutturazione sono più alti del 5/10% sul totale rispetto all’edilizia tradizionale, d’altra parte l’edilizia sostenibile assicura aumenti di valore tra il 2 e il 10%, canoni più alti tra il 2 e l’8% e una riduzione dei tempi di vendita che va dagli 8 ai 4 mesi.

Pertanto, gli interventi di efficientamento del patrimonio edilizio esistente, che in Italia è particolarmente vecchio, considerando che il 70% del totale degli edifici esistenti ha più di 40 anni e necessiterebbe di concreti interventi di riqualificazione urbana,  genererebbero importanti benefici per l’economia e soprattutto l’ambiente. Infatti, tutti gli edifici green migliorano notevolmente la qualità della vita e il benessere delle persone.

Il concetto di edificio sostenibile è stato sviluppato nel 1970 in risposta alla crisi energetica e alle crescenti preoccupazioni dei cittadini riguardo l’ambiente. La necessità di risparmiare energia e ridurre i problemi ambientali ha favorito un’ondata di innovazione nella bioedilizia che si è protratta fino ad oggi.

Gli edifici verdi o eco-case, sono strutture progettate, costruite, ristrutturate e gestite in accordo con le linee guida per l’alta efficienza energetica e che hanno un impatto positivo sull’ambiente, sull’economia e sul sociale durante tutto il loro ciclo di vita.

Un green building richiede un approccio olistico con il quale costruttori, architetti ed ingegneri vengono messi sistematicamente in relazione con il contesto di tutto l’edificio, considerando l’impatto sull’ambiente e sulla comunità che lo circonda.

Una costruzione “normale” parte svantaggiata e si differenzia soprattutto nella scelta dei materiali utilizzati. Questi ultimi nella bioedilizia risultano essere, difatti, tutti naturali e ottenuti mediante l’utilizzo di fonti rinnovabili, gestiti e raccolti in modo sostenibile, reperiti a livello locale o riciclati da materiali di recupero. I prodotti non sono tossici migliorando così la qualità dell’aria e riducendo il tasso di mortalità causato dai cosiddetti “edifici malati”.

Il settore delle costruzioni sta dimostrando di avere, ormai da anni, una grande sensibilità nei confronti dell'ambiente, con la produzione del 23% di inquinamento dell’aria, generato da tutto ciò che è necessario nel processo produttivo, dalla produzione al trasporto dei materiali, fino all’effettiva fase di costruzione.

Gli edifici verdi, che impiegano materiali da costruzione rinnovabili, aiutano a proteggere le risorse dell’ambiente dallo sfruttamento eccessivo. Nel caso del legno, ad esempio, la limitazione del suo utilizzo come materiale da costruzione significa preservare gli ecosistemi boschivi e la naturale azione di filtraggio che questi svolgono rispetto all’anidride carbonica.

La qualità dell’aria all’interno degli edifici sostenibili è nettamente migliore, poiché nel momento in cui questi integrano la vegetazione nelle costruzioni, l’aria diventa più pulita e meno contaminata da eventuali composti rilasciati nell’atmosfera da materiali inquinanti.

Si possono identificare, quindi, tre principali vantaggi degli edifici green per la nostra salute e quella dell’ambiente: maggiore protezione dal riscaldamento globale; ottimizzazione delle risorse energetiche con il minimo danno per l’ambiente; netta riduzione dell’inquinamento e sfruttamento delle risorse presenti in natura.

t

o

p