RIGENERAZIONE

Edilizia off-site al centro di REbuild 2017

Si terrà il 22 e il 23 giugno a Riva Del Garda la sesta edizione di REbuild, la piattaforma nazionale di conoscenza, confronto e lavoro che coinvolge player interessati a sviluppare nuove opportunità di business.

Valentina Bolzoni

15 MAGGIO 2017
edilizia, rigenerazione, sostenibilità, innovazione e rebuild

Al centro dell’edizione del 2017 vi sarà il tema dell’edilizia off-site, il concetto chiave del cambiamento: la produzione si sposta in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente.

Come sottolinea il fondatore di REbuild, Thomas Miorin, “si tratta di un fenomeno già presente in diversi paesi europei. L’ibridazione dei processi produttivi tra fabbrica e cantiere comporta, infatti, impatti economici e sociali profondi: superiore efficienza, minori costi, più alta affidabilità nei tempi di consegna e negli standard produttivi, nuovi luoghi di produzione con maggiore sicurezza e comfort. Effetti rilevanti che possono contribuire a invertire il trend di un settore come quello delle costruzioni nel nostro Paese caratterizzato da una bassa produttività. Il divario che si è creato tra le costruzioni e una manifattura in continua ricerca di innovazione ed efficienza è enorme: se l’indice di produttività per addetto nel manifatturiero è di circa il 90 per cento, quello del settore edile è di poco superiore al 40 per cento.

Seppur il processo costruttivo risulti caratterizzato da una fase in cantiere, per sua natura con livelli di efficienza nettamente inferiori al processo industriale, l’inerzia del settore immobiliare a evolvere diventa evidente se confrontata con l’industria dell’auto che dal 2010 ad oggi ha aumentato la sua produttività del 35 per cento. L’edilizia che ibrida fabbrica e cantiere si avvale di tecnologie diverse: può intervenire sul riuso come nella nuova produzione e rappresenta una rivoluzione capace di tenere insieme non solo superiori standard tecnologici ed economici, ma anche ambientali e sociali”.

Tra i diversi aspetti che verranno analizzati e illustrati nell’edizione di quest’anno le soluzioni ispirate all’automazione robotizzata e al nuovo artigianato evoluto; le modalità economiche e finanziarie evidenziando le opportunità per investitori, developper e professionisti; l’illustrazione di interventi a valori e condizioni prima irraggiungibili.

“Molti operatori dell’edilizia - prosegue Miorin - perseguono già oggi una strategia di investimento volta a incrementare i livelli di efficienza e produttività attraverso un aumento della quota di prefabbricazione o una gestione digitale del processo in tutto il ciclo di vita dell’edificio. Alcuni fanno leva sull’efficienza impressa dai principi dell’economia circolare applicati all’edilizia mentre altri su un’innovazione spinta incentrata su logistica, produzione lean e off-site, robotica e realtà aumentata. Processi e percorsi che da tempo fanno parte delle strategie e delle proposte di offerta delle imprese europee leader. A Riva del Garda approfondiremo tutto questo presentando nuove esperienze e aiutando il tessuto imprenditoriale a confrontarsi con l’innovazione”.

Del resto in questi primi cinque anni REbuild ha portato in Italia i temi guida dell’innovazione del mercato: dal 2012 abbiamo individuato nella riqualificazione il futuro del mercato, nel 2013 parlammo di sostenibilità nel processo di riqualificazione con Leed, Breeam, Casaclima, Passivehouse e Dgnb per la prima volta a confronto in Italia; nel 2014 abbiamo portato in Italia con il Rocky Mountain Institute il concetto di deep renovation; nel 2015 affrontammo il problema della scala con #1casaALminuto e la riqualificazione dei patrimoni immobiliari, introducendo il tema dell’industrializzazione con il caso olandese di Energiesprong. Infine nel 2016 le nostre tre parole chiave “Circular, Digital, Social”, la manifattura edilizia e il suo rapporto con l’industria 4.0, da noi proposte in anteprima, hanno poi caratterizzato il dibattito nazionale e gli investimenti aziendali più recenti.

t

o

p