RIGENERAZIONE

La terza edizione della Construction Conference è in arrivo!

Rigenerazione e Sviluppo di un ecosistema metropolitano sarà il tema al centro della manifestazione annuale di Civiltà di Cantiere

Redazione CIVILTA' di CANTIERE

03 OTTOBRE 2018
rigenerazione urbana, territorio, eventi, opere pubbliche, progettazione, economia, politica e nord est

Il 12 ottobre torna l’appuntamento annuale della Construction Conference, l’evento di Civiltà di Cantiere dedicato agli attori della filiera delle costruzioni che vogliono confrontarsi con le istituzioni sulle grandi questioni connesse alla trasformazione del settore. 

Dopo aver posto al centro della riflessione del 2017 la forte interconnessione tra globalizzazione, ecosistemi e infrastrutture, quest’anno l’attenzione di Civiltà di Cantiere si sposta sulla rigenerazione come ambito privilegiato a cui guardare per lo sviluppo del Paese e per evidenziare le nuove opportunità di mercato per la filiera delle costruzioni. Il 12 ottobre Civiltà di Cantiere, insieme ad ANCE nazionale e ANCE Veneto, a Intesa Sanpaolo e Intesa Sanpaolo Casa, la società di mediazione e intermediazione immobiliare del Gruppo, ad Assindustria Venetocentro e agli altri Technical Partner (Carron S.p.A., CQOP SOA, ESNA SOA Organismo di Attestazione S.p.A, Fiware, Net Engineering, Vittadello) organizza a Padova un evento che guarda a esperienze nazionali e internazionali, dal titolo: Rigenerazione e sviluppo di un ecosistema metropolitano. Visioni, modelli, opportunità. Al centro della riflessione le potenzialità di trasformazione e di valorizzazione di un territorio e di un ecosistema a forte vocazione metropolitana, che da Milano si muove verso Trieste, coinvolgendo la Lombardia e il Nord Est compresa l’Emilia, e dove si colloca il principale polo italiano di sviluppo.

Il 3% del territorio italiano è occupato da aree industriali dismesse, si parla di circa 9 mila chilometri quadrati, di cui il 30% inserito in ambiti urbani. È questo il punto di partenza per cominciare a ragionare sul futuro della rigenerazione degli spazi, in modo tale che corrispondano alle nuove esigenze di sostenibilità economica, sociale e urbanistica.

Il Nord est è l’area che prima di tutte ha avviato questo tipo di riflessione. Solo nel Veneto esistono 92 mila capannoni industriali, situati in 5.679 aree produttive che occupano il 18,4% dell’intera superficie regionale. Ciò significa un capannone ogni 54 abitanti. Il porto di Trieste e Marghera stanno ribaltando i codici della logistica e dell’export. Nel Veneto, nell’ambito e intorno all’area metropolitana che comprende Padova Venezia e Treviso, si va creando un grande polo economico di sviluppo, che insieme a Milano e Bologna costituisce il nuovo triangolo industriale in grado di fungere da principale locomotiva del Paese per i prossimi anni. Qui ci si attende una consistente crescita demografica, qui il PIL ha trend doppi rispetto alla media italiana, qui si vanno orientando importanti investimenti, qui il tessuto delle PMI si rianima e si riconfigura guardando ai mercati internazionali, ma ha bisogno di una articolata e innovativa progettualità, di uno snellimento delle procedure e della burocrazia, così come di infrastrutture fisiche e immateriali, al passo con le nuove esigenze.

La Conferenza costituisce l’occasione per avviare un percorso che metta al centro alcuni punti fermi in grado di orientare una corretta pianificazione e una forte sinergia tra politica, investitori, mondo delle professioni e imprenditoria privata.

Un’occasione per dare concretezza a progetti che mirano a creare nuove aree, in funzione delle diverse esigenze economiche e sociali, espressione dell’attuale contemporaneità. In Europa il futuro è già iniziato, in Italia va preparato introducendo modelli che siano d’esempio, replicabili nei diversi territori. Civiltà di Cantiere insieme ai Partner che sostengono la Construction Conference 2018, intende dare vita a un network di riflessione e di proposta dando voce e coinvolgendo chi sta partecipando attivamente alla trasformazione, a chi la progetta, a chi la finanzia, a chi l’ha già avviata.

 

Per info e registrazioni www.constructionconference.it

t

o

p